Dettagli

*** Corso tenuto da Francesca Rossi Brunori ***

Tutti i mercoledì dalle 19:00 alle 21:00
Prima lezione mercoledì 14 novembre

Le idee viaggiano nella nostra testa in continuazione. Pensieri, suggestioni immagini. Storie, ricordi e anche silenzi che cercano di dirci qualcosa. “Dai, ma cosa aspetti a mettermi su quel foglio?”, dicono. E’ vero: ogni storia deve essere raccontata. Ogni storia ha bisogno di un modo per uscire fuori da noi e rendersi visibile e udibile. Come fare a rendere un ricordo una storia? La creatività necessita soltanto di essere stimolata e incoraggiata. Ci sono spazi e luoghi dentro di noi che hanno solo bisogno di essere “scossi” di essere riportati in luce. Una memoria da recuperare.
Il corso di scrittura creativa è rivolto a tutti coloro che hanno voglia di iniziare a scrivere la loro storia, il loro mondo interiore.

COME FARE?
Ogni lezione è divisa in due parti:

PRIMA PARTE:
La prima parte è dinamica: esercizi di rilassamento, riscoperta del proprio corpo come memoria piena di ricordi, movimenti del corpo , finalizzati a lasciare andare piccoli blocchi e sentirsi più leggeri e liberi. Questo momento è fondamentale per sbloccare la proprio parte creativa.

SECONDA PARTE:
La seconda parte è destinata proprio alla scrittura. Si inizia a scrivere seguendo un proprio flusso interiore e si lascia che le parole si depositano sul foglio. Ecco il momento in cui si inizia a leggere a voce alta la propria creazione. E da questa si inizia a lavorare. Prima si lasciano le parole e la scrittura in libertà. Poi si andranno a canalizzare in “strutture che permettono al nostro scritto di essere pieno di senso” con un inizio uno svolgimento e una fine. Queste piccole strategie di scrittura ci permettono di scrivere con una chiara idea di dove vogliamo arrivare e di cosa realmente vogliamo dire. Senza paura di esprimerci liberamente.

MESSA IN SCENA
Portare il testo scritto ad essere detto, attraverso la nostra voce. La voce è il nostro organo essenziale. La voce ci presenta, ci mostra al mondo. E’ il primo segno, dopo il nostro corpo, che mostriamo al mondo. La voce è piena di potenzialità, è estesa è vivace e ci si può divertire giocando con lei e permettendo a lei di esprimersi, variare e mutare. La voce mostra la nostra forza e personalità. La voce come strumento necessario indispensabile. La voce è il nostro organo essenziale. La voce ci presenta, ci mostra al mondo. E’ il primo segno, dopo il nostro corpo, che mostriamo al mondo. La voce è piena di potenzialità, è estesa è vivace e ci si può divertire giocando con lei e permettendo a lei di esprimersi, variare e mutare. La voce mostra la nostra forza e personalità. La voce come strumento necessario indispensabile per raccontare.

E’ prevista un messa in scena finale se il gruppo lo desidera.

“Nessuno parla con me tranne io stesso
E la mia voce giunge come quella di un morente.
Con te, diletta voce, con te, ultimo fiato
Lascia che io stia con te un’ora soltanto.
Mi ascolti ancora mia voce?”
(F.Nietzche, Edipo)

5 Date programmate